Musa Formazione

,

Facebook rilascia l'opzione cookie di prima parte per gli annunci

PUBBLICATO IL: 22/10/2018 DA: admin
Facebook segue l’esempio di Google e Microsoft e offre una soluzione ai browser che bloccano i cookie di terze parti. Facebook si aggiunge alla lista dei grandi venditori di annunci digitali che hanno voluto trovare una soluzione alle mosse dei browser che vogliono eliminare i cookie di terze parti. La società sta rilasciando una nuova opzione cookie first-party per inserzionisti, editori e sviluppatori per misurare e ottimizzare gli annunci di Facebook e acquisire dati analitici dai browser che bloccano i cookie di terze parti, in particolare Safari di Apple e, a breve, Firefox di Mozilla. Facebook ha iniziato a informare alcune agenzie e gruppi commerciali della soluzione questa settimana e ha inviato un'email a tutti gli inserzionisti venerdì. "Stiamo offrendo un'opzione cookie first-party per il pixel di Facebook per aiutare le aziende a continuare a comprendere l'attività del sito e l'attribuzione degli annunci tra i vari browser", ha detto Joe Osborne, un portavoce di Facebook. "Questo cambiamento è in linea con gli aggiornamenti apportati da altre piattaforme online, poiché l'utilizzo di cookie proprietari per annunci e analisi sta diventando l'approccio preferito da alcuni browser. I controlli che le persone hanno sugli annunci non cambieranno. " Facebook afferma che la soluzione consentirà il costante targeting degli annunci, ad esempio annunci dinamici che consentono agli inserzionisti di mostrare ai visitatori dei siti Web i prodotti che hanno visualizzato quando sono su Facebook, nonché le misurazioni e l'analisi dei dati web.

Cosa hanno fatto i browser per i cookie

Per risolvere i problemi di privacy e le frustrazioni degli utenti sul dilagante annuncio di retargeting, Apple ha introdotto l'Intelligent Tracking Prevention (ITP) in Safari lo scorso anno per impedire a tracker di terze parti di acquisire dati di navigazione incrociati per scopi di targeting degli annunci. (Ha pubblicato ITP 2.0 a giugno.) Alla fine di agosto, Mozilla ha annunciato che il browser Firefox eliminerà presto i cookie e bloccherà l'accesso all'archiviazione da tracker di terze parti per inibire il tracciamento cross-site. Le mosse sono principalmente rivolte al targeting degli annunci piuttosto che alle misurazioni. Per mantenere l'analisi, la guida di Apple indica agli utenti di "configurare l'analisi dei dati web per non affidarsi a cookie di terze parti provenienti da domini che non interagiscono con l'utente". E suggerisce la modifica del collegamento (aggiungendo stringhe agli URL) come un modo per mantenere analisi dei siti e attribuzione degli annunci. Come hanno risposto le altre piattaforme. Forse non sorprendentemente, Google, il più grande venditore di pubblicità digitale al mondo, è stato il primo a introdurre una soluzione in risposta a ITP con un cookie di Google Analytics lo scorso settembre. Microsoft ha proseguito a gennaio con la propria soluzione per Bing Ads tramite la codifica automatica dell'ID clic Microsoft di prima parte negli URL della pagina di destinazione degli inserzionisti. Ora, Facebook è fuori con la sua soluzione.

Come funziona l'idea di Facebook?

Quando un utente fa clic su un annuncio pubblicato da Facebook, una stringa univoca viene aggiunta all'URL della pagina di destinazione. Quando ci sono pixel sul sito che hanno optato per condividere i dati dei cookie proprietari con Facebook, quel parametro URL verrà scritto nel browser dell'utente come cookie proprietario. I pixel quindi includono il cookie proprietario con tutti gli eventi che invia a Facebook. Facebook afferma che la soluzione cookie first-party verrà utilizzata per consentire il costante targeting degli annunci, la misurazione degli annunci e l'analisi dei siti Web per il traffico proveniente dai browser. Per gli inserzionisti che scelgono di attenersi ai dati di terze parti, Facebook può eseguire alcuni modelli per stimare le conversioni da Safari, ma i dettagli non sono ancora chiari. Si tratta di un procedimento simile a quello che Google fa per gli inserzionisti che non collegano i loro account AdWords a Google Analytics; utilizza la modellazione statistica per stimare e segnalare le conversioni del sito Web che non possono essere acquisite da Safari. Gli inserzionisti potranno scegliere di impostare i cookie di prima o di terza parte per Pixel di Facebook. Le impostazioni dei cookie proprietari di Facebook si trovano nella scheda "Impostazioni" in Gestione eventi a livello di pixel (nella sezione Misura e report di Gestione inserzioni). C'è un'impostazione a livello di pixel per scegliere se utilizzare i cookie proprietari con Facebook. Secondo i termini di Facebook, le aziende devono comunque comunicare agli utenti come utilizzano i cookie e condividere i dati raccolti sui loro siti con terze parti. Ora potrebbe essere un buon momento per rivedere le divulgazioni relative ai cookie. Vuoi approfondire le tematiche di digital marketing? Scopri il corso di Digital Marketing for Growth Hacker targato Musa Formazione.
admin

PARLANO DI NOI

crossmenu