Musa Formazione

,

Content curation: le migliori strategie per i marketer B2B

PUBBLICATO IL: 16/12/2018 DA: admin
La content curation è una parola d'ordine molto usata nel social media marketing. Anche se sembra essere il chiodo fisso di molti, non tutti investono in questa tattica, poiché ritengono che non valga il tempo e lo sforzo. Tuttavia, il rischio è perdere i benefici che questa tecnica può portare alla propria presenza sui social media. In questo articolo verranno illustrati quindi i principali vantaggi e le migliori strategie di content curation.

Perché investire nella content curation?

Probabilmente può sembrare contro-intuitivo condividere il contenuto di qualcun altro sui social media. Tuttavia, la content curation ha benefici a breve e lungo termine che valgono davvero la pena:
  • Ti fa risparmiare tempo. Qualsiasi social media manager ti dirà che se non riesci a mantenere una costante pipeline di contenuti sui social media, non vale proprio la pena avviare la tua presenza sui social media da subito. Non c'è niente di peggio di un marchio il cui pubblico non sa mai cosa aspettarsi, dove una settimana si condividono grandi contenuti, e quella dopo non si pubblica nulla. La creazione di contenuti è un'attività che richiede tempo. Dalla ricerca di idee originali, fino alla creazione di una copie avvincenti, e fino all'ottimizzazione del tuo articolo in ottica SEO, il lavoro è davvero molto. La content curation ti consente di mantenere un flusso costante di contenuti di qualità anche se hai esaurito le idee di questa settimana per il tuo blog. Tutto quello che devi fare è trovare il contenuto da condividere, adattarlo alla tua strategia generale sui social media e creare un messaggio avvincente per accompagnare questo articolo.
  • Ti dà credibilità. Hai mai sentito parlare di “colpa per associazione”? Quindi questo è l'aspetto positivo di questa nozione. Quando condividi contenuti da altre aziende o dai media, acquisisci parte della loro credibilità e autorità, per associazione.
  • Estende la tua portata sociale. La content curation ti consente di sfruttare il pubblico dei social media di altri brand. Quando si condividono contenuti curati, bisogna dare credito alla fonte dei contenuti taggandoli o citandoli. Su Facebook e LinkedIn, questo renderà il tuo post visibile ai follower di quei profili, esponendo la tua pagina aziendale agli utenti social media più rilevanti in un dato settore.

Content Curation e strategie: cosa sapere

Esistono molti metodi per seguire la content curation: aggregare il contenuto, elevarlo per trarre conclusioni, creare mashup e molti altri, nonché vari strumenti per la gestione dei contenuti. Indipendentemente dal metodo e dallo strumento di cura che decidi, queste sono strategie da seguire:
  1. Seguire una strategia coerente

Il contenuto da te curato dev’essere allineato con la tua strategia di contenuti esistente e con il tuo marchio. Quando controlli i contenuti, assicurati che l'argomento tratti di qualcosa di cui hai scritto in passato e che sia di interesse per il tuo pubblico. Per riuscirci, inizia creando un elenco di fonti pertinenti. Questi possono essere i tuoi partner, i punti di informazione, le pubblicazioni commerciali e anche le aziende rilevanti nel tuo settore. Dopo aver determinato chi sono queste fonti, sarà facile creare contenuti di alta qualità da condividere sui profili dei social media.
  1. Curare il contenuto da fonti credibili

Come accennato in precedenza, la content curation associa la tua credibilità a quella delle tue fonti. Ciò significa che è fondamentale convalidare la credibilità di tali fonti prima di decidere di curarne i contenuti. Nell'era delle "false notizie", il tuo pubblico non perdonerà facilmente i marchi che diffondono informazioni errate. Leggi l'articolo che stai cercando di curare e cercare eventuali problemi. Queste possono essere affermazioni che non hanno senso o non sono supportate. Gli articoli che fanno sempre riferimento solo a un'azienda e si concentrano sul lancio dei suoi prodotti saranno percepiti come non attendibili dal pubblico. Vai sul sito web della fonte per determinare chi è questa azienda e quante informazioni ci sono su di loro. Puoi anche dare un'occhiata ai profili social di quelle fonti per capire meglio chi sono. Se la fonte non sembra credibile, è una cattiva idea condividere il contenuto, per quanto interessante e convincente possa essere.
  1. Personalizzazione

Curare il contenuto non significa che non sia necessario personalizzare il messaggio che lo accompagna. Al contrario, esprimere un'opinione sull'articolo curato o aggiungere un'angolazione diversa fornirà valore ai tuoi follower e renderà il tutto ancora più avvincente. Un'altra cosa che dovresti ricordare è dare credito. Lavori duramente per creare contenuti ricercati e di alto valore, e così anche altre società. Se gestisci il contenuto, è importante menzionarlo o taggarlo nel tuo post per dare apprezzamento alla sua fonte. Ma la cortesia non è l'unica ragione per cui dovresti farlo. Tagging o menzionare la fonte del contenuto ti permetterà di estendere la tua portata sociale attraverso il loro seguito, pur dimostrando la tua esperienza nel settore.
  1. Creare una pipeline per il contenuto curato

I contenuti curati devono far parte del tuo calendario editoriale come qualsiasi altro contenuto. Creare un processo di lavoro strutturato per scoprire e condividere contenuti e definire la cadenza. Puoi condividere contenuti curati una o più volte alla settimana o anche una volta al mese. Indipendentemente dalla frequenza scelta, assicurati di mantenere questa struttura per creare un senso di attesa tra il tuo pubblico. Per la scoperta dei contenuti, è possibile utilizzare le tattiche di ascolto e creare flussi che scopriranno gli articoli più recenti condivisi da una fonte specifica, nonché le tendenze in corso. L'ascolto sociale ti aiuterà anche a scoprire quali argomenti ottengono il maggior coinvolgimento sui social media. In questo modo sarà più facile decidere quali contenuti sono abbastanza coinvolgenti da condividere e quali no.
  1. Contenuti curati nel tuo programma di difesa dei dipendenti
Il tuo programma di difesa dei dipendenti richiede un flusso costante di contenuti. Se dovessimo ricorrere a metafore culinarie, il contenuto fresco è il cibo di cui ogni programma di advocacy ha bisogno per sopravvivere. Tuttavia, è spesso difficile continuare a fornirlo con nuovi contenuti aziendali, a causa delle risorse di tempo necessarie. Inoltre, i sostenitori sono spesso desiderosi di condividere contenuti curati, poiché li posiziona come leader del pensiero industriale. I contenuti curati possono soddisfare entrambe le esigenze. Ti aiuterà a mantenere un flusso costante di contenuti per i tuoi sostenitori e anche a rafforzare il loro impegno con il programma offrendo loro contenuti nuovi e interessanti. Possono essere notizie del settore, pezzi di leadership pensati o anche una versione di un partner che cambia il gioco. I tuoi dipendenti colpiranno l'opportunità di essere i primi sul loro social network a condividere articoli intriganti e stimolanti.

Content curation, ora tocca a te

La content curation ha il potere di estendere la tua portata sociale, migliorare i tuoi contenuti e persino dare al tuo marchio più autorità su argomenti rilevanti per il settore. I metodi di content curation possono variare e la frequenza di condivisione degli articoli può anche cambiare ma finché applichi una strategia di contenuti strutturata, messaggi personalizzati non puoi sbagliare. Vuoi approfondire le tematiche di digital marketing? Scopri il corso di Digital Marketing for Growth Hacker targato Musa Formazione. Clicca qui e dai un'occhiata al corso!
admin

PARLANO DI NOI

crossmenu