Musa Formazione

,

Chatbot: come capire se stai chattando con un essere umano o un robot

PUBBLICATO IL: 09/12/2018 DA: admin
L'uso e l'utilità della chat online e dei chatbot, grazie al miglioramento dei livelli di intelligenza artificiale, sta aumentando rapidamente. Durante questi tempi di perfezionamento, è interessante sapere se stiamo interagendo con un vero essere umano o con un chatbot. Vuoi sapere come fare? Leggi i prossimi punti e prova anche tu!

Chatbot o esseri umani. Dov’è l’empatia?

L’intelligenza artificiale odierna è priva di empatia cognitiva perché le emozioni tra gli esseri umani sono davvero difficili da comprendere e da spiegare. Quindi, creare intenzionalmente un dialogo empatico con il tuo essere umano o con il chatbot può essere rivelatore. L’empatia richiede di stabilire una posizione basata sull'emozione e di fare appello all'essere umano o al chatbot a livello emotivo. Prova quindi a fingerti triste e vedi come reagisce la controparte. Se riesci ad indirizzare la tua conversazione sul tuo malessere allora sai che dall’altra parte dello schermo hai molto probabilmente un essere umano. Il chatbot può fare riferimento solo alla sua libreria di risposte preimpostate. Un essere umano ha la capacità di inserire empatia nel dialogo. La nostra società quindi non è ancor pronta per degli psicoterapeuti con intelligenza artificiale.

Puntare al personale. Cosa dicono i bot?

Un'IA collegata può accedere praticamente a qualsiasi dato, sempre e ovunque. Quindi, fare una domanda di sfida significativa via chat non vuol dire nulla anzi, la risposta risiede in un database accessibile. L’unico metodo per mettere in difficoltà un bot è provare a chiedergli qualcosa di personale, ad esempio sul colore delle scarpe che indossa. Un minimo dubbio rimane sempre, ma è molto difficile che qualcuno abbia impostato il risponditore in modo da aggirare gli utenti più sospettosi.

I chatbot e la logica circolare

Questo metodo può essere utile per noi nella nostra identificazione del gioco di identificazione umano vs chatbot. La maggior parte dei sistemi di guida automatica dei telefoni dopo due o tre cicli di ritorno nello stesso posto, deviano infine una persona a un operatore. I chatbot si comportano nello stesso modo. Quindi, nel creare un test di logica circolare, quello che stiamo cercando è il modello ripetitivo di risposte prima del passaggio. Un bot tende a interrompersi davanti a più domande simili e a fornire sempre la stessa risposta. Prendiamo ad esempio l’ordine di un pacco. Si può chiedere al chatbot la data di consegna ma se, qualora si verificasse un mancato recapito, volessimo sapere qualcosa in più sull’ordine, il bot non saprebbe risponderci Una persona reale o un chatbot più intelligente non avrebbero ripetuto la data di consegna prevista. Invece, lui / lui o avrebbe avuto una risposta più significativa, ad esempio controllando lo stato di consegna del prodotto e spiegando al cliente i motivi del ritardo.

Dilemma etico. Come lo risolve un chatbot?

Questa è una vera sfida per gli sviluppatori di intelligenza artificiale e, quindi, per gli stessi robot. In un risultato tra A o B, cosa fa l'intelligenza artificiale? È corretto, o etico, minacciare un'azienda con ritorsioni (nel senso di esplicitare l’intenzione di cambiare, ad esempio, fornitore perché non più soddisfatti)? La “minaccia” qui ha solamente lo scopo di capire se il danno alla reputazione sociale o il desiderio di mantenere un cliente di vecchia data sia importante per chi sta dall'altra parte. Se è così, allora probabilmente c’è dall'altro lato un essere umano

E adesso?

Utilizzare chat con esseri umani e intelligenza artificiale non è intrinsecamente giusto o sbagliato. Ognuno copre l'intero spettro di intenti e risultati ma è bello sapere con chi si interagisce. Questa distinzione diventerà sempre più difficile, e alla fine impossibile, da determinare. E a quel punto, non avrà nemmeno importanza. Fino a quel giorno però sarà divertente giocare. E più giochiamo, più velocemente si evolvono i chatbot. Ora tocca a te cominciare a testare le chat e scoprire chi si cela dietro alle risposte. Vuoi approfondire le tematiche di digital marketing? Scopri il corso di Digital Marketing for Growth Hacker targato Musa Formazione.
admin

PARLANO DI NOI

crossmenu