Musa Formazione

,

13 Errori di e-mail marketing da evitare per un migliore coinvolgimento

PUBBLICATO IL: 16/12/2018 DA: admin
La posta elettronica rimane una componente essenziale della strategia di marketing per il 95% delle organizzazioni imprenditoriali. La concorrenza è alta, ed è così facile perdersi in regole, tendenze ed esperimenti dell'e-mail marketing. Con l'obiettivo di creare e implementare le strategie di posta elettronica più efficaci, i marketer rimangono intrappolati tra gli errori più comuni. Ecco un articolo per riconoscerli e come aggirarli.

Lavorare con mailing list obsolete

Come sapete, i provider di posta fissano i requisiti per la qualità della mailing list. Inoltre, stabiliscono limiti sul numero di resi e reclami consentiti. Se non monitori la tua mailing list, dozzine di e-mail - caselle di posta abbandonate o sovraccariche - rimangono lì nel tempo. Il risultato? Tu superi questi limiti e la tua newsletter viene bloccata. Utilizzare quindi i servizi di convalida della posta elettronica analizzando una mailing list. Aiutano a cancellare indirizzi non funzionanti o sospetti. In tal modo, garantirai la reputazione e migliorerai l'efficienza delle tue campagne di email marketing.

Fai crescere gradualmente la tua mailing list

  • Innanzitutto, prendi nuovi contatti, quelli sottoscritti negli ultimi tre mesi, e aggiungili a un elenco di newsletter.
  • In base alle statistiche, elimina gli indirizzi "non validi" dall'elenco.
  • Quindi, aggiungi i vecchi indirizzi (circa il 15% dell'intera mailing list) a quelli appena rinnovati - e invia la prossima newsletter.
Tale algoritmo consente di disinnescare il danno ed evitare il brusco salto delle attività di mailing non gradito dai provider.

Invio di e-mail inaspettate

Un terzo dei marketer invia newsletter solo quando ha qualcosa da dire. È un grosso errore che porta alla frustrazione e alla disiscrizione dei clienti. Immagina: Un giorno ti sei iscritto a una newsletter ma non hai ricevuto nulla nella tua casella di posta. All'improvviso arriva un'e-mail che offre un prodotto. Probabilmente ti sei già dimenticato di quell'abbonamento. Quindi inizi a bollire e fai clic su "spam", che non fa niente per le statistiche della newsletter. La cosa migliore è quindi lavorare con la tua mailing list fin dall'inizio, anche se ci sono solo due contatti. Invia almeno una email al mese! Se si verificano pause, fai del tuo meglio per riattivare l'elenco.

Invio di email inutili

L'errore più comune degli operatori di email marketing è che creano newsletter, inutili per gli abbonati. Non si scrive di un'azienda o di un prodotto ignorando gli interessi dei clienti e preoccupandosi solo delle vendite.
  • Conosci il tuo pubblico e inizia a pensare come loro.
  • Esplora le loro paure, dubbi e pregiudizi sul tuo prodotto.
  • Decidi come puoi inserire il tutto in una e-mail.
  • Scrivi dell'esperienza di successo nell'utilizzo del tuo prodotto, non del prodotto stesso. Considera le parole e il tono che scegli e non imbrogliare plagiando i concorrenti.
  • Cerca di rendere una email creativa e abbastanza utile in modo che i lettori vogliano condividerla con gli amici.

Personalizzazione errata

Controlla sempre i nomi che i visitatori usano per iscriversi alla tua newsletter. A volte scrivono male, scrivono assurdità e riempiono i campi di lettere a caso o battute scherzose. E quando usi questi nomi nella speranza di fidelizzare i clienti, il risultato sarà il contrario.
  • Controllare tutti i campi(nomi, tag, impostazioni predefinite) due volte prima di spedire.
  • Quindi, fai un test per vedere se indirizzare i clienti per nome e influenza la conversione.

Organizzare l’invio

Non è possibile inviare e-mail ai clienti ogni volta che si desidera o si ha tempo. I risultati saranno di bassa efficienza, e porteranno a un gran numero di clic su "Annulla iscrizione a questo elenco". Sistematizza quindi la tua newsletter. Prepara un piano per diversi mesi e decidi giorni e orari perfetti per l'invio di e-mail. Per quanto riguarda la frequenza, dipenderà dal tuo pubblico e dalla strategia di marketing.

Ingannare o mentire agli abbonati

È la cosa peggiore che puoi fare agli iscritti. Diciamo che il modulo di iscrizione ha promesso di inviare codici sconto ai nuovi arrivati, ma non l'hai fatto. Oppure, una persona si iscrive per ottenere contenuti informativi, ma invece si inviano e-mail di vendita. Oppure, hai promesso di scrivere una volta alla settimana ma hai inviato email ogni giorno. Mantieni la tua parola. Prometti di meno, dai di più. Questo è ciò che aiuta a costruire la fiducia dei clienti e li trasforma nei difensori del tuo brand.

Mancata corrispondenza della riga dell'oggetto e dell'e-mail

L’oggetto della tua email parla dei contenuti. Scrivere un titolo che cattura l’attenzione è fondamentale ma, al tempo stesso dev’essere veritiero. Funziona quindi, ma delude gli utenti quando aprono una mail e vedono una riga dell'oggetto e una mancata corrispondenza del corpo. Lo considereranno manipolazione, contrassegneranno tali e-mail come spam e annulleranno l'iscrizione. Inoltre, non si fideranno più del tuo marchio. Scrivere titoli è un'arte. Va bene motivare gli abbonati ad aprire le e-mail, ma la loro delusione per i contenuti irrilevanti sarà di cattivo auspicio per la campagna di marketing complessiva. Lascia che le tue linee tematiche siano pertinenti ai contenuti che condividi con i clienti.

Non dare alcuna possibilità di feedback

Continui ad inviare e-mail da "no-reply" o "admin", oppure dalla casella di posta che nessuno controlla mai? È un segnale per gli abbonati che il tuo marchio non vuole comunicare. Le persone vogliono parlare con altre persone, non con le caselle di posta. Richiedi feedback nelle tue e-mail, condividi altri canali di comunicazione, presenta il tuo team di supporto. Dando loro l'opportunità di ottenere risposte alle loro domande, si aumenta la possibilità di renderli i vostri clienti.

Paura degli esperimenti

La maggior parte delle marche non corre il rischio di sperimentare, ed è per questo che le newsletter originali sono ancora rare oggi. Le e-mail di vendita dello stesso tipo si collegano alla posta in arrivo degli utenti, quindi le persone non riescono a trovare alcun motivo per dedicare del tempo a tutti. Cosa fanno? Annullano l'iscrizione. Quindi:
  • Analizza i concorrenti e capovolgili.
  • Guarda i concorrenti, ma non copiarle senza fare attenzione.
  • Pensa a dettagli succosi che potresti aggiungere alle tue newsletter. Cosa spinge le persone iscriversi? Il tuo stile di scrittura? Il tuo tono di voce? Qualunque altra cosa?

Nessun test prima dell’invio

Finire nello spam, avere un layout sbagliato, errori HTML sono solo alcune conseguenze di contenuti scadenti. Le regole e le sfumature della creazione di un’email sono molte. Ad esempio, questo è quello che succede con una foto:
  • Si perde l'adattabilità (le versioni mobili non ottimizzano le immagini).
  • Un abbonato non lo vedrà se le sue impostazioni e-mail non consentono di visualizzare immagini esterne.
  • Alte possibilità di essere bloccati dai filtri antispam.
Altre regole includono: evitare parole di stop, capslock, javascript; non utilizzare link shortener; non esagerare con punti esclamativi, ecc. È difficile ricordarli tutti, quindi il modo migliore per scoprire se lo fai bene è testare una newsletter prima di lanciarla. Utilizzare una mailing list di test, inclusa la posta in arrivo presso diversi provider. Sii scettico per stimare il risultato e cerca di entrare nei panni degli abbonati. Un'e-mail suona persuasiva? Non aver paura di rivedere, modificare e renderlo migliore. Ricorda quindi, che anche un esperto di marketing può perdersi o dimenticare qualcosa. Ma come si dice, non vince chi non fa errori, ma chi li fa meno spesso. Vuoi approfondire le tematiche di digital marketing? Scopri il corso di Digital Marketing for Growth Hacker targato Musa Formazione.
admin

PARLANO DI NOI

crossmenu