Musa Formazione

,

Smart Working e formazione online: come fare tutto

PUBBLICATO IL: 25/09/2020 DA: Antonio Racanati
Ciascun dipendente di azienda passa parecchio tempo di fronte allo schermo del proprio PC, ancora di più in questo periodo di Smart Working in cui in molti rimangono confinati all’interno della propria casa. Se a questa attività quotidiana si aggiunge il frequentare un corso di formazione e-learning, la stanchezza e la distrazione potrebbero minare l’efficacia della formazione. Per questo è lecito chiedersi: come coniugare formazione online e lavoro a distanza?

Programmare la settimana

In molte aziende si è ormai compreso che il lavoro a distanza potrebbe essere una costante e non un evento eccezionale. Per questo la formazione continua dei dipendenti non può che passare dall’e-learning che deve necessariamente essere inserita all’interno della propria routine andando a rafforzare proprio la capacità di lavorare da remoto. Ecco un esempio di buona routine:
  • Iniziare la settimana organizzando non solo le attività e gli obiettivi lavorativi, ma anche quelli formativi.
  • Dedicare un giorno a settimana alla formazione in modalità sincrona. Bastano anche 30 minuti con un formatore dal vivo per ravvivare l’interesse. Viceversa, con l’e-learning è sempre possibile lasciare la formazione asincrona alla libera scelta di ognuno.
  • Al termine della settimana verificare i risultati raggiunti e pensare a come migliorare la settimana successiva per essere incentivati a lavorare per obiettivi.

Seguire corsi online coinvolgenti

I corsi in modalità e-learning vanno scelti considerando che si apprende meglio tramite:
  • brevi moduli;
  • contenuti in più formati (testi, video, audio);
  • interazioni con gli altri studenti;
  • ripasso periodico delle nozioni apprese.
Questi elementi sono ancora più significativi per i lavoratori da remoto che soffrono maggiormente l’assenza di confronto con i colleghi o possono avere altre distrazioni online. Pertanto, è altrettanto di fondamentale importanza scegliere di intraprendere percorsi formativi suddivisi in micro-contenuti e sviluppati sotto forma di simulazione e gioco.

Supportarsi tra colleghi da remoto

Solitamente non tutte le aziende hanno la possibilità di prevedere una figura di facilitatore che aiuti i dipendenti più in difficoltà con le nuove modalità di lavoro e formazione. Per questo è bene affidare il compito ad un dipendente più esperto e creare piccoli gruppi di aiuto tra colleghi in base alle proprie specializzazioni. Sapere a chi rivolgersi se non si riesce ad accedere a un modulo del corso o un documento utile per una mansione è di fondamentale importanza per chi è in Smart Working. Allo stesso tempo, offrire il proprio aiuto ad un collega in difficoltà è un incentivo e una conferma che non si smette di lavorare insieme e apprendere anche se si è distanti. Grazie a questi accorgimenti ciascun dipendente riuscirà a vivere meglio il lavoro da remoto senza rinunciare alla flessibilità dell’e-learning. Sei interessato ad altri articoli riguardanti la formazione e l’ambito dell’e-learning? Continua a seguire il blog e scopri i corsi di formazione professionale e universitaria targati Musa Formazione. Al prossimo appuntamento! Università
Antonio Racanati

PARLANO DI NOI

crossmenu