Le difficoltà nell’utilizzo dell’e-learning

shutterstock-1386028979

L’Università del Pacifico ha recentemente condotto un’indagine che ha dimostrato come gli ostacoli maggiori per l’apprendimento online non sarebbero esclusivamente legati alle difficoltà d’uso delle tecnologia o alla sua mancata considerazione come priorità all’interno dei processi di apprendimento. Difatti, alla base di questi intralci alla formazione moderna vi sono ulteriori motivazioni derivanti in primis da un’ampia incapacità organizzativa ed amministrativa.

Tale problematica parte dalla ricerca di un leader e amministratore della piattaforma, dotato delle competenze necessarie, fino alla selezione dei docenti più performanti. Infatti, la scelta di formatori validi ed esperti è basilare, in quanto l’insegnamento in modalità e-learning richiede un complesso caratteristico e specifico di esperienze e abilità.

Lo studio ha inoltre evidenziato come sia fondamentale la garanzia di poter accedere a finanziamenti adeguati, provenienti da enti pubblici, per il successo di qualsiasi piattaforma virtuale.

Anche il persistente bisogno di cambiare e di adattarsi rappresenta una sfida, soprattutto per i docenti che non sempre sono correttamente preparati all’evoluzione rapida delle tecnologie.

D’altro canto, la ricerca di Taylor e McNair ha svelato che le strategie organizzative ritenute efficaci per le piattaforme e-learning il più delle volte possono essere applicate anche alla formazione in presenza.

I risultati analizzati sono stati ulteriormente confermati da un rapporto dell’ente Education Dive che, domandando a ben 150 trainer ed insegnanti statunitensi quali fossero i sette maggiori ostacoli all’introduzione della tecnologia nella scuola, ha riportato i seguenti dati:

  • 9%:  budget limitato;
  • 9% :  inadatta formazione dei docenti;
  • 4% :  resistenza degli insegnanti al cambiamento;
  • 2%: infrastrutture digitali inefficienti;
  • 9%: software o dispositivi poco affidabili;
  • 6% : problemi a usare la tecnologia per le materie curricolari;
  • 2%: mancata attribuzione prioritari alla tecnologia da parte delle scuole.

È proprio da queste percentuali che emerge come tra i principali limiti all’uso delle tecnologie nell’apprendimento, sia tradizionale che secondo la metodologia e-learning, vi sia in un piano finanziario limitato, la formazione inadeguata dei docenti e il loro atteggiamento di resistenza nei confronti del cambiamento costante e inesorabile delle tecnologie. Le percentuali inferiori sono invece relative agli eventuali problemi o difficoltà nell’utilizzo delle piattaforme e/o il fatto di non considerarla come una priorità nell’apprendimento.

È chiaro, quindi, che occorre sensibilizzare maggiormente le istituzioni al fine di ottenere finanziamenti più ampi, anche finalizzati alla formazione dei docenti che devono frenare le proprie opposizioni e adattarsi maggiormente all’uso delle nuove tecnologie finalizzate all’apprendimento e alla formazione.

A fronte di quanto analizzato, Musa Formazione include nella propria proposta dei corsi moderni e tecnologicamente avanzanti dal punto di vista della piattaforma e-learning e dell’atteggiamento dei trainer. Percorsi di studio che allo stesso tempo vanno appunto incontro a quelle che sono le attuali esigenze degli studenti e dei formatori, per garantire un’offerta e dei contenuti adeguati a ciascun utente.

Scopri i nostri corsi sul sito https://musaformazione.it/ e leggi gli articoli presenti nelle varie sezioni del blog.

Alla prossima!