Musa Formazione

, ,

Guida per laureandi e laureati che vogliono insegnare nella scuola secondaria

PUBBLICATO IL: 30/11/2019 DA: Antonio Racanati
Spesso ci si chiede come poter iniziare a lavorare nella scuola secondaria (media e superiori) e ci si imbatte in evidenti difficoltà di orientamento riguardo i requisiti necessari per farlo. Questo accade soprattutto a gran parte dei laureandi o di coloro che sono già in possesso di un laurea ma che non si sono mai iscritti nelle graduatorie di istituto.

L’obbligo di determinati esami

In primis, è necessario chiarirsi riguardo gli esami che ciascun laureando deve necessariamente sostenere durante il proprio percorso accademico per costruire il proprio piano di studi personalizzato e professionalizzante. Allo stesso modo anche per i già laureati è importante sapere quali discipline devono aver conseguito o possono conseguire in forma singola e aggiuntiva al fine di avere accesso all’insegnamento. È fondamentale prestare attenzione a questi suggerimenti pratici:
  1. Tenere presente che ciascun titolo di studio – in questo caso laurea ai sensi del vecchio ordinamento D.M. n. 39/1998 o del nuovo ordinamento D.M. n. 22/2005 o magistrale D.M. n. 270/2004 – è requisito di accesso alla/e classe/i di concorso per le quali sono distribuite le materie (discipline curriculari) della scuola secondaria di primo e secondo grado.
  2. Consultare il P.R. n. 19/2016(Tab. A e A1) al link e il successivo correttivo D.M. n. 259/2017 (All. A) a questo link.
  3. Controllare con estrema attenzione le tabelle sopra indicate per una totale corrispondenza fra gli esami universitari richiesti e la/le classe/i di concorso come per il seguente esempio.
  • Il candidato in possesso di laurea in Lettere o in Antropologia culturale ed etnologia (LS1) o in Conservazione e restauro dei beni culturali (LM11) ha titolo di accesso alla classe di concorso A-12 (ex 50/A) “Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria” per cui deve vedere nella sezione “Note” se il proprio piano di studi abbia compreso specifici corsi biennali o annuali o semestrali o un determinato numero di crediti nei settori scientifico-disciplinari di interesse.

La domanda di messa a disposizione (MAD)

Per accedere all’insegnamento vi è anche la possibilità di inviare senza limitazioni in autocertificazione – via mail PEC o posta ordinaria – la Messa a Disposizione (MAD) nelle scuole delle province di preferenza per poter far parte degli elenchi extra-procedurali redatti per eventuali disponibilità dal Dirigente Scolastico e utilizzati esclusivamente dopo l’esaurimento dei candidati presenti nelle graduatorie di istituto (canali ufficiali MIUR).

Il concorso ordinario e i 24 CFU

Per poter partecipare al concorso ordinario a cadenza biennale (L. n. 145/2018 art. 1, comma da 792), oltre il conseguimento della laurea sopra citata, devono essere acquisiti 24 CFU/CFA in 4 principali aree: pedagogia, psicologia, antropologia, didattica. Musa Formazione offre un percorso basato sull’acquisizione dei 24 CFU nelle aree indicate, così strutturato:
  • didattica dell’inclusione – SSD: M-PED/03- 6 CFU
  • tecnologie dell’istruzione e dell’apprendimento – SSD: M-PED/04 – 6 CFU
  • psicologia generale – SSD: M-PSI/01 – 6 CFU
  • antropologia culturale – SSD: M-DEA/01 – 6 CFU
Riguardo la modalità di studio il corso viene sostenuto tramite la piattaforma e-learning nella quale, dopo l’iscrizione, ciascun utente riceverà le credenziali di accesso e potrà visualizzare le video lezioni, scaricare il materiale didattico e, quando si riterrà pronto, prenotarsi all’esame da sostenere in una delle sedi Musa Formazione.   E tu? Ti sei laureato da poco o stai per farlo e desideri insegnare nella scuola pubblica? Tieni ben a mente quanto spiegato in questo articolo e scopri come acquisire i 24 CFU con il percorso Musa Formazione. Alla prossima! Acquisici-24-cfu-insegnamento
Antonio Racanati

PARLANO DI NOI

crossmenu