Domande e risposte sul concorso ATA 2020 (seconda parte)

FAQ concorso 2

Nonostante il termine per la presentazione delle domande al concorso sia già scaduto, i dubbi sulla selezione e sulle graduatorie ATA sono ancora tanti. Per questo, dopo la prima parte, continua il nostro focus sulle domande principali provenienti dai numerosi interessati.

Gli altri servizi

  • D: Come devo collocare i servizi di leva e assimilati, indicati nell’Allegato A, ai punti A e B?
  • R: Il servizio militare di leva e assimilati prestati in costanza di rapporto di impiego va considerato come servizio effettivo. Pertanto, ad esempio, se svolto in qualità di collaboratore scolastico va valutato in B1, se in servizio presso le ditte di pulizia va valutato in B3, ecc. Invece, il servizio militare di leva e assimilati prestati non in costanza di rapporto di impiego o la ferma volontaria vanno considerati come servizio reso alle dipendenze delle amministrazioni statali.

 

  • D: I servizi resi presso le scuole nei progetti socialmente utili, indicati nel punto B6, si valutano fino al 1999. Quindi come devo considerare tali servizi in caso di proroghe per gli stessi progetti fatte dal Miur per il 2000 e 2001?
  • R: I servizi resi nei progetti socialmente utili possono essere considerati validi quale servizio da valutare nel punto B3 qualora abbiano ad oggetto  servizi di pulizia e altri servizi ausiliari nelle istituzioni scolastiche.

 

  • D: Cosa si intende per servizio prestato alle dirette dipendenze di amministrazioni statali, enti locali e patronati scolastici di cui al punto B5 della tabella di valutazione titoli?
  • R: Si intendono i servizi alle dipendenze di amministrazioni statali e enti locali diversi da quelli prestati nelle scuole statali con rapporto di impiego con gli enti locali fino al 31.12.1999 in qualità di collaboratore scolastico o in profilo professionale corrispondente.

 

  • D: Non sono in possesso del diploma di istruzione secondaria di primo grado ma ho conseguito il diploma di istruzione secondaria di secondo grado. Posso presentare la domanda di partecipazione?
  • R: Sì, occorre compilare direttamente i campi relativi al diploma di istruzione secondaria di secondo grado. In questo caso non sarà attribuito alcun punteggio per il diploma di istruzione secondaria di primo grado.

F.A.Q. generali

  • D: L’art 5 comma 5 lettera r) del bando cita soltanto l’art. 21 della legge 104/92. Io sono in possesso dei requisiti per usufruire dell’art. 33 della medesima legge. Quindi come lo posso dichiarare?
  • R: L’istanza è stata adeguata in data 17 dicembre con l’introduzione dell’art. 33. Qualora l’aspirante abbia già inoltrato l’istanza avendo indicato l’art. 21 L.104/92 e volendo invece indicare l’art. 33 può:

– annullare l’inoltro;

– accedere nuovamente alla domanda e spuntare la nuova dicitura che riporta anche l’art. 33;

– procedere con un nuovo inoltro affinché la dicitura sia presente nel PDF.

  • Qualora l’aspirante abbia già inoltrato l’istanza non avendo indicato l’art. 21 L.104/92 perché in possesso dell’art. 33 può:

– annullare l’inoltro;

– accedere nuovamente alla domanda e spuntare la nuova dicitura che riporta anche l’art. 33;

– procedere con un nuovo inoltro affinché la dicitura sia presente nel PDF.

  • Qualora l’aspirante, avendo già inoltrato l’istanza, non prenda atto della modifica intervenuta successivamente all’inoltro, l’ufficio competente, cui dovranno essere trasmessi gli atti che attestino il possesso del requisito dell’art. 33, è tenuto a tenere conto del titolo ai fini della priorità nella scelta della sede.

 

  • D: Nella sezione dell’istanza “Altre dichiarazioni” devo dichiarare la presenza di carichi pendenti. Quale voce devo utilizzare?
  • R: È necessario utilizzare la voce procedimenti penali.

 

  • D: Nella sezione dell’istanza “Altre dichiarazioni” non è sufficiente lo spazio per effettuare dichiarazioni nell’apposito campo. Come posso presentare le dichiarazioni previste?
  • R: Si suggerisce di scrivere la dichiarazione di interesse su un foglio Word, di firmarlo e di allegarlo nella sezione “Allegati” dello stesso file compresso (.zip) in cui si devono allegare anche il documento di identità e il codice fiscale. Nello spazio a disposizione della voce di interesse indicare “si veda allegato”.

 

  • D: Come devo considerare i servizi resi presso le scuole nei progetti socialmente utili prorogati per l’anno 2000 e sino al 30 giugno 2001?
  • R: I servizi resi nei progetti socialmente utili resi nel 2000 e sino al 30 giugno 2001 possono essere considerati validi quale servizio da valutare nel punto B6, nei limiti dell’effettiva proroga, qualora abbiano ad oggetto servizi prestati nelle istituzioni scolastiche per lo svolgimento di funzioni corrispondenti a quelle di collaboratore scolastico.

 

  • D: Ai fini del possesso del requisito del servizio per gli anni 2018 e 2019 sono considerati validi i periodi di sospensione del contratto?
  • R: Sì, purché svolti in costanza di rapporto di lavoro a tempo indeterminato con una o più imprese, in quest’ultimo caso con interruzioni non superiori a 15 giorni, titolari di contratti per lo svolgimento di servizi esternalizzati di pulizia ed ausiliari nelle istituzioni scolastiche.

 

  • D: I servizi resi presso le scuole per progetti socialmente utili prorogati per l’anno 2000 e sino al 30 giugno 2001, inseriti al punto B6, sono equivalenti a quelli svolti nello stesso periodo nel punto B3. Come li devo indicare nella domanda di partecipazione?
  • R: Il periodo indicato costituisce un passaggio transitorio tra i precedenti regimi ed il successivo. Ciò ha comportato che diverse tipologie di attività si presentano caratterizzate all’aver svolto un servizio sostanzialmente equivalente e suscettibile di essere considerato in più categorie della tabella di valutazione dei titoli. In questo intervallo di tempo alcuni istituti che consentono di fruire del punteggio B.3 sono stati attivati progressivamente e l’amministrazione ha assunto la titolarità dei rapporti con una tempistica differenziata. Per questi motivi, al fine di evitare una disparità di trattamento di punteggio tra le categorie interessate e prevenire un contenzioso di rilevante entità, si ritiene necessario prevedere che i servizi svolti dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2001 e formalmente riconducibili o ai titoli di servizio B3 o a quelli B6 siano valutati con l’attribuzione del punteggio previsto per l’anno e per ogni mese o frazione di mese superiore a 15 giorni di cui al punto B3.

 

Dopo esserci soffermati sulle principali domande e risposte riguardanti il concorso 2020 continua a seguire il blog Musa Formazione per tanti altri articoli e novità sul Personale ATA.

Inoltre, vai sul sito www.musaformazione.it per scoprire i corsi e le certificazioni utili ad aumentare il tuo punteggio in graduatoria.

Alla prossima!

2 pensieri su “Domande e risposte sul concorso ATA 2020 (seconda parte)

  1. Antonio dice:

    La domanda per il prossimo triennio per personale ATA quando si potrà presentare?
    Il corso di dattilografia e operatore amministrativo sono ancora requisiti validi ?

    • Antonio Racanati dice:

      Ciao Antonio,

      al momento non possiamo fornirti risposte certe riguardo le tue richieste in quanto non sono state ancora trasmesse indicazioni dal bando ufficiale.
      Non appena questo sarà pubblicato non esiteremo a ricontattarti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *