Cosa fare dopo la triennale in Scienze della Comunicazione?

Scienze della Comunicazione è una delle lauree triennali più gettonate negli ultimi anni.

Il codice identificativo di questo corso di laurea quindi di primo livello è L-20 ed ogni anno le richieste di iscrizione sono davvero tante.

Scopriamo di più su questo corso e sui suoi sbocchi professionali.

Il piano di studi

Il piano di studi di Scienze della Comunicazione, ovvero l’elenco degli insegnamenti e delle attività formative da sostenere per arrivare alla laurea, varia in base agli indirizzi del corso di laurea.

Ci sono piani di studi che privilegiano l’editoria e il giornalismo, altri che si concentrano sulla comunicazione pubblica e istituzionale, altri ancora sulle tecniche pubblicitarie e sul marketing, e così via.

È importante che avere chiaro, anche a grandi linee, il settore della comunicazione in cui vorresti formarti e specializzarti, anche se spesso i confini tra un ambito ed un altro non sono sempre così netti.

Gli esami

Anche le materie e gli esami di Scienze della Comunicazione variano in base al piano di studi scelto, ma ci sono alcune materie che sono comuni un po’ a tutti i corsi di laurea in Comunicazione.

Sicuramente dovrai affrontare diversi esami di sociologia, semiotica (che studia i segni e il significato), psicologia, almeno un esame di diritto (tra cui sicuramente diritto dell’informazione o diritto pubblico), linguistica, tecniche di comunicazione di massa, comunicazione pubblica, storia della tv o del cinema, ecc. Le altre materie, invece, possono variare, da storia contemporanea a economia e marketing, dalle tecniche pubblicitarie ai vari laboratori di giornalismo o scrittura professionale. Non mancano mai, ovviamente, un esame di inglese (spesso anche una seconda lingua) e uno di informatica.

Gli sbocchi lavorativi

La laurea in Scienze della Comunicazione garantisce anche delle ampie opportunità professionali.

Il corso prepara laureati in grado di lavorare nei principali settori della comunicazione all’interno di enti pubblici o aziende private di vario genere, tra cui case editrici, redazioni giornalistiche (televisive, di testate cartacee o web), agenzie pubblicitarie, agenzie di comunicazione, agenzie editoriali etc.

I laureati in Scienze della Comunicazione, tuttavia, trovano impiego anche presso enti e aziende di altri settori, che hanno necessariamente bisogno di comunicare e promuovere le proprie attività tramite vari canali e in diverse modalità a seconda del caso.

Ecco una lista delle professioni che si possono svolgere con una laurea triennale in Scienze della Comunicazione.

  • Tecnico della Pubblicità;
  • Reputation Manager e Brand Manager;
  • PR o Addetto alle Pubbliche Relazioni;
  • Addetto Stampa o Press Officer;
  • Organizzatore di Eventi;
  • Community Manager e Moderatore;
  • Growth Hacker Expert;
  • Web Communication Manager, Digital Media Manager, Web Content Manager, Social Media Manager;
  • Digital Tourism Manager o Experience Manager;
  • Tour Manager;
  • Giornalista, Autore Radio-TV e Consulente Editoriale.

Sei interessato a questo corso di laurea?

Scopri la laurea in Comunicazione e Multimedialità (L-20) erogata da Musa Formazione in collaborazione con l’Universitas Mercatorum e continua a seguirci sul nostro blog per saperne di più su questo percorso.

Al prossimo articolo!