Bando 2020 TFA Sostegno V Ciclo: 24 CFU tra i requisiti

Insegnante di sostegno

Recentemente il Ministro dell’Istruzione Azzolina ha parlato degli impegni e dei provvedimenti più urgenti per la scuola e tra questi c’è soprattutto il Bando per l’Assunzione di Docenti di Sostegno che da molti anni non sono in numero sufficiente per garantire le ore di sostegno agli studenti disabili che he hanno bisogno.

Il Ministro ha fatto sapere ufficialmente che il bando TFA Sostegno V Ciclo del Sostegno sarà pubblicato entro Marzo 2020.

Ecco quali sono i requisiti per accedervi:

  • abilitazione specifica per la classe di concorso;
  • laureamagistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente ed equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso + 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche;
  • per gli ITP si attendono chiarimenti dal MIUR.

N.B.: La laurea deve avere tutti gli esami o CFU eventualmente richiesti dal MIUR per accedere ad una delle classi di concorso dell’ordine di scuola richiesto.

Per quanto riguarda i posti che il bando metterà a disposizione sono in totale 21mila, 14mila già preventivati a cui si aggiungono altri 7mila relativi agli idonei.

L’accesso

Le prove di accesso al TFA sostegno prevedono un test preliminare in cui accede alla prova scritta un numero di candidati pari al doppio dei posti disponibili nella singola sede per gli accessi. Sono ammessi alla prova scritta coloro che, all’esito della prova preselettiva, abbiano conseguito il medesimo punteggio dell’ultimo degli ammessi e tutti i candidati con disabilità uguale o superiore all’80%.

Per poter accedere al test preliminare i candidati dovranno pagare (al momento non si conoscono le cifre esatte, nei bandi pubblicati in occasione del TFA sostegno IV ciclo la tassa è stata variabile), dai 40 euro dell’Università di Perugia ai 180 del Suor Orsola Benincasa di Napoli.

Il test preselettivo sarà composto da 60 quesiti formulati con 5 opzioni di risposta. Di questi, almeno 20 sono volti a verificare le competenze linguistiche e la comprensione dei testi in lingua italiana.

La risposta corretta a ogni domanda vale 0,5 punti, la mancata risposta o la risposta errata vale O (zero) punti. Il test ha la durata di due ore, in cui:

  • la prova scritta deve essere superata con 21/30;
  • la prova orale deve essere superata con 21/30.

Una volta che i candidati supereranno le prove accederanno al corso universitario che avrà una durata di 1 anno e al termine del quale verrà rilasciato il diploma di specializzazione per le attività di sostegno nelle scuole pubbliche italiane.

Gli unici docenti ad essere ammessi in sovrannumero al corso 2020 saranno i docenti idonei, ossia i docenti che:

  • abbiano sospeso il percorso ovvero, pur in posizione utile, non si siano iscritti al percorso;
  • siano risultati vincitori di più procedure e abbiano esercitato le relative opzioni;
  • siano risultati inseriti nelle rispettive graduatorie di merito, ma non in posizione utile.

24 CFU

Vuoi rimanere aggiornato con altri articoli relativi al settore della scuola e dell’insegnamento?

Continua a seguire il nostro blog e scopri il corso di acquisizione dei 24 CFU targato Musa Formazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *