Assiemi in AutoCAD – Assemblaggi passo a passo

28 -1

Oggi, partendo dal progetto precedente, creeremo le parti 3d e le assembleremo digitalmente.

Creazione dei solidi

Procediamo con Premi e trascina per creare i volumi e all’abbinamento dei solidi con i colori.

28-2

I comandi principali

I Gizmo di spostamento e di rotazione, Allinea e Allinea 3D saranno i comandi chiave nel processo di assemblaggio e orientamento dei solidi. Useremo subito Allinea 3D con l’obiettivo di appoggiare il basamento sul piano xy, con l’orientamento desiderato.

28-3

È un ottimo comando, senza di esso avremmo dovuto usare il comando ruota+ il comando sposta, con Allinea 3D otteniamo subito la posizione desiderata. Lo stesso vale per il posizionamento della leva, solo che useremo il comando Allinea.

Il comando Allinea è simile al comando Allinea 3D, solo che viene usato normalmente in ambito 2D, ma come potete vedere ha delle applicazioni anche in ambito 3d. Il funzionamento è leggermente diverso (cambia l’ordine di sequenza di selezione) ma sostanzialmente sfrutta lo stesso concetto. Per le dimensioni dei pezzi potrebbe essere necessario un aggiustamento con il Gizmo di spostamento.

Per ruotare la leva dobbiamo fare attenzione, dovremo infatti non solo usare il Gizmo di rotazione/Ruota 3D, ma anche cambiare l’asse di rotazione riposizionando il Gizmo.

28-4

Allo steso modo monteremo la seconda leva. Ma la rotazione della seconda leva e il posizionamento del pattino non sarà banale.

Dovremo infatti far coincidere gli assi per i fori. Per farlo ci aiuteremo con una costruzione e con l’ausilio dell’UCS Dinamico.

L’UCS dinamico ci permette senza dover spostare manualmente l’UCS di disegnare in modo dinamico sulle facce piane. Veloce ed efficace. Ruotare la leva con l’opzione Riferimento renderà tutto più semplice e veloce (senza non sarebbe stato possibile).

28-5

A completamento possiamo inserire i perni. Purtroppo un funzionamento del cinematismo come avevamo visto nel 2d non è possibile con i solidi in AutoCAD. Ci sono modi per riuscirci, ma sarebbe comunque un segnale che ci avverte della necessità di passare a un software parametrico 3D. Spesso questi software hanno costi più elevati, ma le risorse a disposizione possono essere le più adatte per i nostri obiettivi progettuali.

Al prossimo video!

 

Ciao a tutti e buona progettazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *